Detroit – Hutchins Intermediate/Crosman Alternative school

Tutta la vita davanti

Il futuro. Hanno il futuro negli occhi. Li dovreste vedere, in questa primavera del 1922. Fieri di essere parte di un innovativo sistema scolastico che, da qualche anno, prevede la continuazione degli studi fino alle scuole superiori nello stato del Michigan. Nell’aria, la musica lontana di un rag-time, le guerre a venire, le bombe finanziarie, gli scontri razziali che tutto avrebbero divelto. Ma loro no, i miei primi studenti, se ne stanno lì, a gruppetti, di fronte ai miei cancelli, con tutta la vita davanti.

12Io sono l’avanguardia

Io sono l’avanguardia, capite? Qui dentro, dopo che la campanella avrà suonato tra pochi minuti per la prima volta, questi giovani esseri umani andranno a sedersi in aule enormi, correranno e suderanno in palestre che verranno decantate dalla stampa locale. 4Impareranno a nuotare nelle due piscine, una dedicata alle ragazze ed una per i loro coetanei. Nell’auditorium a due piani, parteciperanno emozionati alle feste di fine anno e alle recite. Non noteranno, scorrazzando, i pavimenti in acero argentato, ma si fermeranno sicuramente di fronte a quell’apparecchio telefonico che permetterà di effettuare e ricevere chiamate: uno strumento unico, per questi anni. Drin, drin! Chi parla? Sono il futuro. Qui scuola Hutchins.

Giovinezza

8Chiudete gli occhi. Riuscite a sentirne ancora le voci: l’acuta, la disperata, la tenue, la dolce. Alcuni, se ne stanno pensierosi appoggiati ai loro banchi mentre cercano la risposta ad un quesito di matematica. Altri, se ne stanno tutti agitati nel laboratorio dove gli viene insegnato a lavorare il legno. Gli brillano gli occhi mentre scoprono i segreti dell’elettricità e della fisica. Mordono la vita, inconsapevoli. Alcuni sbadigliano durante le interrogazioni. Si spintonano per vedere chi arriverà alla fine di questo corridoio. Qualcuno, monello, gratta un righello sulla lavagna nera, come il cielo che sta cambiando fuori. Si gira di scatto, lancia un gessetto ai compagni delle prime file. Due ragazzine, lassù sulla scala, bisbigliano un segreto: “Sono innamorata di Mark”. “Anche io”. “Bene, l’unione fa la forza”. Le risate. I brufoli. Qualcuno di loro, si capisce al volo, promette bene. Qualcun altro si sente incompleto, mentre stancamente calcia una pietra, ma si farà. Andrà tutto bene.

20

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

2 Commenti su “Detroit – Hutchins Intermediate/Crosman Alternative school

  1. Giorgio

    parole che ti fanno vibrare dentro….poi guardando le foto, e questo racconto, mi risuona, mi fa pensare, mi… commuove …
    Complimenti del fantastico racconto e le stupende foto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *