Tutto in una notte: maratona in notturna Parco Dora

Cari lettori,

qualche settimana fa, ho partecipato ad una competizione indetta da PhLibero qui a Torino.

I partecipanti avevano tutta la notte per fotografare uno dei quartieri più affascinanti della mia città, ovvero Parco Dora, sede di un parco postindustriale di circa 450,000 m² di estensione. Fin dalla fine dell’Ottocento, alcune storiche fabbriche torinesi si erano insediate qui: le Ferriere Fiat, la Michelin, la Savigliano e la Paracchi dove sono rimaste fino agli anni Novanta, quando vennero gradualmente dismesse.

Inaspettatamente, sono stata tra i vincitori di uno dei premi del concorso: la giuria ha premiato la mia serie di scatti con una “menzione speciale come migliore progetto artistico in bianco e nero”. Avete la possibilità di visualizzare il mio progetto cliccando su questi link:

Per me, Parco Dora è uno dei tanti luoghi futuristici di Torino: camminando in mezzo ai graffiti e alle immense volte in acciaio, non ho potuto non pensare che alle atmosphere di uno dei miei film preferiti, “Blade Runner”. Durante la notte tra sabato 23 e domenica 24 Maggio, quando “Tutto in una notte” ha avuto luogo, ho cercato di dare un’idea del fascino di Parco Dora partendo dal particolare per muovermi, dopo una specie di rivelazione inaspettata, verso il grande, verso l’universale. Poi è arrivata l’alba e mi ha trovata a camminare in mezzo a quelli che erano stati gli impianti di raffreddamento, nel luogo dove si producevano i lingotti per i semilavorati destinati alla produzione di lamiere, tubi e molle.

Ho voluto condividere con voi la gioia di questa piccola, ma per me enorme, vittoria. Nelle prossime settimane, cercherò di condividere con voi ulteriori informazioni e reperibilità online di questo progetto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Share on LinkedIn

7 Commenti su “Tutto in una notte: maratona in notturna Parco Dora

    1. skandorina Autore

      Awwww! Thanks a million, AR. It was such a (good) shock 🙂
      Thanks for reading me, once and again, my friend.
      Skandorina

    1. skandorina Autore

      Caro NikLik! Grazie mille per l’incoraggiamento … Sono ancora traumatizzata dallo shock positivo 🙂
      Un abbraccio e a presto,
      Skandorina

  1. Romina

    Ok, noi ci siamo gia’ complimentate, ma lo voglio fare in forma ufficiale sul tuo sito…bravissima e meritatissimo riconoscimento! Attendo con ansia la tua prima foto sul National Geographics, che prima o poi arrivera’!!

    1. skandorina Autore

      Poi, però, ci sveglieremo entrambe molto ma molto sudate!
      Grazie ancora, Minzy. Un abbraccio enorme, Skandorina

  2. Pingback: 'Cause we're lovers, and that is a fact Skandorina's Travels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *